«

»

Dic 22

Stampa Articolo

IO PENSO POSITIVO

Finalmente ho potuto apprezzare un territorio che non conoscevo così a fondo, dal centro storico al lungomare, con i calanchi quasi a precipizio sull’acqua a creare un paesaggio spettacolare, in una giornata di dicembre che sembrava primavera! Eppure, quanto avrei inveito quando sono rimasto a piedi per l’annullamento del volo di rientro dal sopralluogo, che mi ha costretto a prolungare la mia permanenza fuori casa. Ma solo grazie a questo imprevisto, ho potuto cogliere l’occasione di godermi il posto fantastico e i miei amabilissimi ospiti.

È l’esempio che se il bicchiere è mezzo pieno o mezzo vuoto non è una questione di punti di vista ma di mancanza di attitudine (o abitudine) a vedere positivo! Quanto c’è di buono in ogni situazione, spesso, ci risulta nascosto; di primo acchitto sembra sempre che tutto remi contro.

“Mantieni i tuoi pensieri positivi
perché i tuoi pensieri diventano parole;
mantieni le tue parole positive
perché le tue parole diventano i tuoi comportamenti;
mantieni i tuoi comportamenti positivi
perché i tuoi comportamenti diventano le tue abitudini;
mantieni le tue abitudini positive
perché le tue abitudini diventano i tuoi valori;
mantieni i tuoi valori positivi
perché i tuoi valori diventano il tuo destino”.
Gandhi

BICCHIERE1Con questo pensiero ci apprestiamo a chiudere l’anno. È tempo di bilanci e tempo di propositi per il prossimo futuro. Che dire? È vero, ci lasciamo alle spalle un altro anno difficile ma anche se sembrano non esserci prospettive migliori per quello nuovo, è necessario distinguerci anche nell’atteggiamento a cui dobbiamo tendere sia a livello personale, sia professionale, in barba a tutte le situazioni congiunturali: il prossimo sarà un anno strepitoso!

Su questo blog, che ha preso vita quest’anno e che si propone di accompagnarvi con contenuti sempre di migliore qualità, ci confrontiamo su ospitalità e benessere: ad una veloce occhiata critica, il settore ricettivo avrebbe bisogno di maggiore valorizzazione da parte di chi dovrebbe sbandierarne l’eccellenza agli occhi del mondo; soffre della necessità di una profonda riqualificazione, strutturale ma anche del modo di interpretare l’hotellerie, il rapporto con gli ospiti e la vendita dei servizi. Anche il benessere vive un momento delicato, in cui a grandi potenzialità spesso corrispondono fragorosi insuccessi per mancanza di professionalità, per la superficialità e l’approssimazione con la quale viene affrontato nella maggior parte delle situazioni.
Malgrado tutto, guardiamo avanti con grande positività perché non è vero che non è possibile fare nulla per cambiare le cose: anche se a piccoli passi, è possibile cominciare ad alzare la testa e a guardare al futuro con un sano ottimismo, fissando le priorità e andando avanti con intelligenza ed umiltà.

“Qualunque cosa tu possa fare, qualunque sogno tu possa sognare, comincia. L’audacia reca in se genialità, magia e forza. Comincia ora!”
Johann Wolfgang Göethe

VASCACerchiamo di darci da fare nel nostro piccolo: approfittiamo di questo blog per alimentare il dibattito culturale intorno a queste tematiche che tanto ci appassionano e per le quali diventa stimolante il confronto con il mondo intero; soprattutto, cerchiamo di tradurre in progetti concreti i buoni propositi, affiancandoci per affrontare con successo il prossimo futuro.
Sia che scegliate un nuovo approccio al benessere, sia che puntiate al wellness come opportunità di business per il vostro hotel, ci attende un futuro roseo, in cui insieme potremo sedurre i vostri ospiti: vi siete accorti che non aspettano altro che di poter vivere le novità che gli proporrete? Per quanto piccole, daranno in ogni caso un’aria di freschezza e dinamismo alla vostra attività.

Siamo pronti ad affrontare le sfide che ci riserverà l’avvenire? Potremo camminare insieme ponendoci in modo diverso di fronte al lavoro in hotel o nella spa, a tutti i livelli, imprenditoriale, gestionale o progettuale, condividendo anche nel blog i punti di vista e cercando di affrontare e risolvere nella pratica qualsiasi difficoltà.
Al bisogno del benessere di cambiare marcia e dell’hotellerie di recuperare terreno, sebbene il cammino sia lungo e faticoso, rispondiamo unendo le forze e, soprattutto, sviluppando nuove idee, unica strada da percorrere per distinguersi nel mare della mediocrità.

E per queste festività, regaliamoci uno sguardo al prossimo futuro, pregustando la soddisfazione di essere riusciti a innovare malgrado tutto, grazie ad un pizzico di creatività, ad un nuovo approccio con cui affrontare le cose, con le nostre forze e con uno spirito rinnovato.

“Non è perché le cose sono difficili che non osiamo, è perché non osiamo che sono difficili”
Lucio Anneo Seneca

Auguri a tutti!
Stefano
mail@stefanopediconi.it

AUGURI2014

Permalink link a questo articolo: http://www.hoteldesign.org/io-penso-positivo/

2 comments

  1. Ciro

    Mi piace molto la frase di Göethe che hai messo, la trovo assolutamente vera. Spesso siamo frenati dalla paura di fallire e così posticipiamo continuamente. Iniziare è fondamentale per arrivare!

    1. Stefano Pediconi
      Stefano Pediconi

      È la mancanza di coraggio che frena, quell’audacia che bisogna avere per intraprendere percorsi del tutto nuovi, senza doversi necessariamente uniformare a ciò che fanno tutti! Può essere difficile, ma sicuramente è l’approccio vincente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>