Hotel e Spa Design, nuove idee per ospitalità e benessere

2022, FACCIAMOCI SOTTO!

Stavo rileggendo tutti gli articoli scritti all’inizio degli anni scorsi e quasi temo di non riuscire a condensare in un nuovo post la positività traboccante dagli auguri che ci siamo scambiati ogni anno nei 7 di vita del blog. Eppure, ancora una volta è proprio di questo che abbiamo bisogno: di un augurio di perseverare nella gratitudine, di guardare sempre al bicchiere mezzo pieno e di chiudere gli occhi alla mediocrità che il mondo ci vuole inculcare con i suoi messaggi pregni di negatività.
Poniamo la creatività alla base del nostro 2022, strumento per illuminare le nostre giornate, il nostro lavoro, la nostra vita.

È sempre più difficile riuscire a far passare messaggi positivi quando, una volta ancora, il settore si trova nuovamente in un momento difficile. In più, la nostra mente è impostata per enfatizzare i problemi, per una forma atavica di sopravvivenza che permette all’uomo di essere pronto allo scenario peggiore.
Sta ad ognuno di noi fare uno sforzo in una diversa direzione, affinché le cose appaiano da un punto di vista diverso, così come ho riportato sul mio biglietto di auguri

Auguri Natale 2021 nuovo anno 2022

Nella maggior parte dei casi, per il settore il 2021 ha registrato un’estate strepitosa: un successo ben oltre ogni rosea aspettativa ha portato i turisti a ripopolare gran parte delle nostre strutture.
Siamo riusciti a viaggiare, a recuperare buona parte della socialità persa con l’isolamento dei mesi scorsi.
Abbiamo ripreso a lavorare (fin troppo…) con soddisfazione.
Abbiamo percepito sulla nostra pelle la speranza, con la quale affrontiamo tuttora le nostre giornate, preparandoci al prossimo futuro. Siamo condizionati dai numeri – sembra che non esistano forme di giornalismo che non possano vivere senza martellarci – ma siamo consapevoli sia che le cose vanno molto meglio dello scorso anno, in termini sanitari, sia che il boom tornerà anche il prossimo anno.
Ci stiamo preparando?

Nooooo, non sarà mica preferibile piangersi addosso piuttosto che rimboccarsi le maniche?
Non possiamo negare che la situazione sia grave ma piangersi addosso non risolve i problemi: puntiamo i piedi, facciamo sentire la nostra voce, cerchiamo di sensibilizzare il mondo intero alle importanti problematiche da risolvere ma non limitiamo a lamentarci contro i mulini a vento: bisogna reagire agendo sulle cose alla nostra portata. Bisogna inventarsi cose nuove, dobbiamo trovare soluzioni e, laddove non ne vediamo, bisogna crearle!

“Bisogna essere presenti ora e impegnare tutte le risorse nello sforzo più importante mai fatto finora nell’area della comunicazione […] Questo farà la differenza! Questo permetterà di arrivare dove non arrivano gli altri”.
Ho insistito tanto sulla necessità di darsi da fare, anche adesso in cui sembra tutto nero, e l’enorme successo di chi ha seguito questa esortazione negli ultimi due anni è ormai un esempio davanti agli occhi di tutti.

La primavera segue l’inverno – quanto spesso? Ogni anno da seimila anni! La primavera è opportunità, e l’opportunità segue sempre la difficoltà. L’espansione segue la recessione, ogni volta.” Jim Rohn

Ci si può ostinare a condividere messaggi come i tanti che ho letto nei gruppi di albergatori su Fb, domande retoriche volte ad alimentare la negatività tipo “Anche voi cancellazioni a go-go?”, oppure possiamo guardare avanti e decidere cosa fare per preparare il prossimo futuro ancora meglio degli anni scorsi.
Tutto dipende da noi, esclusivamente da noi.

Per inciso, il nostro gruppo Fb – Hotel & SPA Design – sarà sempre positivo; raggiungeteci, se non siete ancora iscritti, e non ve ne pentirete. Non permetto la pubblicazione di alcuna lamentela…
Spegnete le TV e aprite la mente

Quelli che gli altri chiamano “notizie” non sono notizie. Se le notizie fossero in accurato riflesso degli eventi del giorno, ventinove minuti e cinquanta secondi di un servizio di mezz’ora sarebbero dedicati alle belle cose che sono successe, mentre le brutte notizie sarebbero solo un puntino sullo schermo. Quelle che chiamiamo notizie sono in realtà brutte notizie. Basta guardare, ascoltare e leggere le brutte notizie!” Esther Hicks

È la citazione presa da un bellissimo libro che sto leggendo e che consiglio a tutti: “Io non mi lamento”, di Will Bowen. Probabilmente, se tutti diventassimo consapevoli che “i pensieri negativi sono semi che piantiamo nel mondo quando ci lamentiamo e che daranno frutti”, forse riusciremmo a vivere in un mondo migliore.
Cominciamo dal nostro piccolo giardino.

Pertanto, chiudendo questo primo articolo del 2022, voglio augurare a tutta la community, gli imprenditori, gli operatori, i professionisti, gli appassionati del bellissimo mondo di hotel e SPA e a tutti coloro che ci seguono un nuovo anno pieno di consapevolezza e di pensieri creativi. Tutto il resto verrà da solo!
Make things happen!

Permalink link a questo articolo: http://www.hoteldesign.org/2022-facciamoci-sotto-creativita/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.