Hotel e Spa Design, nuove idee per ospitalità e benessere

QUANTO SEI INNOVATIVO?

Ti sei mai soffermato a pensare quanto sei portato a guardare avanti? Nei comportamenti, nel tuo stile di vita e nei gusti, quanto sei innovativo? Quanto punti all’innovazione nelle scelte che ti portano a decidere l’immagine del tuo hotel o della tua SPA o nel modo stesso di concepire un modello di business per la tua impresa?

A tutti piace pensare di essere delle persone spinte sempre verso le novità, nuove abitudini e nuovi traguardi da raggiungere. Eppure, nella maggior parte dei casi si tratta di intenzioni che non trovano rispondenza nei nostri comportamenti. Vogliamo scoprire da che parte stai?

Quanto sei innovativo?

CitizenM, New York Times Square – Credit Photo @Puzzle Partner Ltd

Ho sempre trovato che il passato incomba sul progresso del settore più pesantemente di quanto meriti, per rispetto o per gli insegnamenti che ci ha fornito per portarci fino ad oggi. Ne scrivevo in qualche altro articolo: “guardare indietro per andare avanti”, un’accezione positiva quando si tratta di fare propri alcuni valori del passato oppure paura di affrontare l’”ignoto”?

Leggi anche “Il passato è passato

Ma qui il discorso è leggermente diverso: anche se fossimo consapevoli che copiare il passato rappresenti un atteggiamento anacronistico che non porta da nessuna parte, il coraggio di andare avanti – spesso verso “l’inesplorato” – non è così scontato. Non è detto che, pur avendo l’innovazione nelle nostre intenzioni, riusciamo a spiccare il volo verso qualcosa che veramente possa fare la differenza nel prossimo futuro.

Leggi anche: “Hôtellerie, tra passato e futuro

C’è uno sfasamento tra quando un prodotto viene concepito e si pone come elemento innovativo, a quando viene recepito ed entra nei gusti comuni.
Sono riflessioni che facevo, sfogliando una delle mille riviste di hotel e SPA design che divoro per ricerca e sete di cultura. Riprendendone in mano alcune, mi ha sorpreso l’estrema attualità di ambienti realizzati ormai più di qualche anno fa. Come mai?
E mi è tornata anche alla mente la mostra “Bathroom Excellence 1998-2012” vista nel 2013 al Cersaie (Salone Internazionale della ceramica e dell’arredo bagno): pure nel design, gli oggetti di uso comune hanno visto la luce almeno 5-7 anni prima!

Di per sé non ci sarebbe nessun problema, se non fosse che, oggi, le soluzioni e i materiali che vengono presi in considerazione nella progettazione di un hotel o di una SPA sono ormai visti da tempo! E dove sarebbe l’innovazione?
Se aspettiamo che le cose sedimentino, per il timore che gli ospiti li giudichino troppo lontani dai loro gusti o dalle loro esigenze, abbiamo già perso il treno.
Se, prima di muoverci, aspettiamo di vedere i risultati di qualcuno che ha avuto più coraggio di noi nel seguire un filone nuovo, abbiamo già mancato l’occasione.

“Il più delle volte la gente non sa quello che vuole finché non glielo si mostra!”
Steve Jobs

INNOVAZIONE: UN NUOVO MODELLO DI BUSINESS
Non si tratta solo di design o di progettazione di interni, stile o gusti, ma di qualcosa di molto più profondo: si tratta anche del modo di portare avanti l’impresa alberghiera o il centro benessere, o delle figure professionali coinvolte in processi che devono essere nuovi e che, oggi a maggior ragione, devono essere diversi affinché ci si possa porre sul mercato in maniera vincente.

Scartabellando in rete, ho trovato un interessante articolo che spiega bene il concetto di innovazione: “L’imprenditore deve rinnovare, essere in grado di mettere in discussione sé stesso e la sua azienda, cogliere le tante sollecitazioni che giungono dall’esterno o dall’interno dell’impresa, per essere al passo con le nuove condizioni del mercato e per rispondervi in modo innovativo.
Innovare significa […] osservare e proporre risposte concrete sempre più coerenti con i bisogni dei clienti, attraverso una visione che permetta di individuare con anticipo, nel proprio settore, e realizzare soluzioni o idee che non sono ancora state applicate, o migliorare quelle che sono già utilizzate

Leggi anche: “Cosa significa innovare e perché è importante farlo

Hard Rock Hotel, Ibiza

Alla luce di tutto questo, si ripropone la domanda: quanto sei innovativo?
Quanto l’approccio per il costante rilancio della tua struttura è veramente nuovo?
Senza andare troppo lontano, è la stessa domanda che mi sono posto anche io, come professionista, ovviamente. E il risultato è stato lanciarmi in una nuova avventura che potesse abbracciare appieno il concetto di innovazione.

INNOVAZIONE: NUOVE FIGURE PROFESSIONALI AL LAVORO
Mi sono reso conto che gli hotel e le SPA che vogliono crescere non hanno più bisogno “solo” dell’architetto: i progetti sono di più ampia portata e coinvolgono tematiche che entrano nello specifico della strategia, dell’identità della struttura, del marketing e della comunicazione, oltre a tutte le questioni legate alla riqualificazione degli ambienti e dell’immagine.

Falkesteiner Hotel Kronplatz

Innovazione vuol dire creare qualcosa che possa essere uno strumento effettivo per il lavoro dell’imprenditore, sempre di più ad ampio spettro in quanto coinvolge aspetti che si pongono sullo stesso piano della progettazione, dello studio dell’identità e dell’immagine o alla base di una qualsiasi riqualificazione, di ambienti o servizi.

Storytelling, è la parola magica che riassume l’obiettivo che ogni struttura dovrebbe porsi: identificare e valorizzare l’anima dell’hotel o il cuore della SPA, elementi differenzianti che rendono unica una struttura, per poterla trasmettere ai propri ospiti, prima, durante e dopo il soggiorno.

Leggi anche: “Sole24ore: nuovi profili per gli hotel

Da questi ragionamenti è nato il ruolo dell’Hotel Stylist, la cui prima presentazione è stata nel lontano 2014 (e, quindi, ci siamo quasi perché l’approccio diventi comune…): non più solo competenze tecniche, ma una prospettiva più ampia per poter entrare nel merito di aspetti fondamentali nello sviluppo di una struttura.
Ancora oggi, mi fa sorridere la grande sorpresa degli imprenditori che non credono ai loro occhi quando si trovano davanti questo “architetto veramente atipico” con cui poter parlare la stessa lingua.
Un po’ meno piacevole essere scambiato per tuttologo, a cui, invece, sono profondamente allergico: c’è una bella differenza tra millantare di sapere tutto ed essersi rimboccato le maniche per acquisire quelle competenze trasversali che servano a fare un lavoro di eccellenza, a cui, purtroppo, non si è ancora abituati

“Non è imprenditore chi compie operazioni economiche intendendo lucrarne profitto, bensì colui che introduce atti innovativi” Joseph Schumpeter, economista austriaco (1934)

Hard Rock Hotel, Ibiza

INNOVAZIONE: UNO STRUMENTO PER COMPETERE
Viviamo in una perenne corsa che ci vede competere a livello internazionale e l’innovazione è uno strumento fondamentale per poter combattere come si deve.
Già in altre occasioni ho sottolineato come caratteristiche base come fornire un’esperienza all’ospite, essere sostenibili o utilizzare nuova tecnologia non possono più essere considerate innovative. Sono alla base dell’offerta alberghiera e pensarle – erroneamente – come grande novità per distinguersi riporta ai ragionamenti fatti all’inizio dell’articolo: ecco lo sfasamento tra quando rappresentavano la vera innovazione e il momento attuale.

Leggi anche: “Passaggio dall’ordinario all’inedito

COSA FARE?
È necessario guardarsi allo specchio e domandarsi: quanto sei innovativo? Rispondere con la massima sincerità permette di recuperare, eventualmente, la strada maestra e il tempo perduto: se il tuo obiettivo è competere e vincere – anche in questo momento in cui le difficoltà sembrano impossibili da superare quanto sei disposto a lanciarti verso il futuro?
Con la giusta squadra, non è un salto del buio: è semplicemente (e finalmente) portare la propria impresa nell’eccellenza.


Sai che ti posso aiutare? Potresti essere tra coloro che hanno bisogno, semplicemente, di essere accompagnati nel raccontare ai tuoi ospiti i valori della tua struttura nel modo più efficace possibile: identità, immagine e storytelling

…senza impazzire per ricomporre il quadro generale
…senza doverti dedicare all’ennesimo compito professionale (come se fare l’imprenditore non fosse abbastanza)
…senza preoccuparti di parlare una lingua diversa dall’Hotel Stylist

Contattami per valutare l’opportunità

Chic and basic Boutique Hotel, Barcelona

Permalink link a questo articolo: http://www.hoteldesign.org/quanto-sei-innovativo/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.