Stampa Pagina

Fuorisalone vs. Salone

Salone Internazionale del Mobile – Proseguiamo dal post precedente con  qualche impressione, positiva o negativa della passeggiata in fiera.

Se parliamo di stili. di natura, io sono design-oriented, fosse per me adotterei linee assolutamente contemporanee e forme pure. Eppure, lavorando a Parigi da diversi anni, ho rivalutato anche lo stile più classico, in un contesto in cui il risultato migliore si ottiene nel mescolare le preesistenze (caminetti, parquet tradizionale o modanature) con soluzioni più attuali, con l’obiettivo di non arrivare a sterili risultati anacronistici.
Per questo motivo, un’occhiata ai padiglioni classici l’ho voluta comunque dare, trovando in alcuni casi (specie per gli arredi) elegantissime interpretazioni degli ambienti che, malgrado lo stile, si proponevano ad un utente dei nostri giorni; in altri casi, orrendi mercatini di oggetti (soprattutto luci e lampadari) che, nell’immagine del loro insieme, mi hanno fatto scappare a gambe levate.

SALONE_1

Poco colore, rispetto al Fuorisalone: le atmosfere più eleganti si sono rivelate quelle composte da elementi su grigio, beige, tortora, color sabbia, e con un gioco di luci ed ombre che propendevano sull’oscurità, il che contribuiva a rendere cupo l’insieme.

I padiglioni che ho preferito? 16 e 20, merito dei “soliti” grandi nomi, i brand più conosciuti che hanno messo in piedi delle “macchine” da centinaia di migliaia di euro. Ovviamente, l’apprezzamento non è per la spesa ma per il miglior valore dei contenuti espresso nei vari affollatissimi eventi.

SALONE_2

Non so voi, ma io sono soddisfatto del mio Salone in fiera. Certo è che nella eterna battaglia tra Fuorisalone e Salone del Mobile, il primo trova il mio favore: sarà il fascino del design per le strade di Milano? Sarà una migliore propensione verso l’evento piuttosto che all’esposizione più tradizionale? Sarà per il mix tra operatori e la festante bolgia di gente alla ricerca della “vita” per le strade, rispetto al pubblico della fiera?
Non lo so, probabilmente ci saranno altri mille motivi che rendono il Fuorisalone più affascinante e accattivante ai miei occhi, non ultime le recenti esperienze passate, come la presentazione in zona Tortona della Fashion Home Spa un paio di anni fa, che mi è rimasta negli occhi e nel cuore.

Quello che è certo, è che le due manifestazioni sono in assoluta simbiosi, vivendo l’una dell’altra e godendo il proprio successo anche per la presenza dell’altra, come la doppia faccia di un’unica medaglia.
Per questo, avanti così, anche per i prossimi anni! Che continui la ricerca di una sempre migliore qualitá su una strada che rende Milano la città più cool nel panorama internazionale, che mette in riga qualsiasi capitale europea: Milano, l’eccellenza di un modello a cui fare riferimento ed esempio dal fascino irraggiungibile.

Non l’hai ancora fatto? Leggi anche: “Il mio Salone

E tu, che ne pensi? Cosa ti ha colpito di più? Lasciami la tua opinione nei commenti, grazie!

Permalink link a questo articolo: http://www.hoteldesign.org/gallery-eventi/speciale-design-week/fuorisalone-vs-salone-del-mobile/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>