2020, BASTA SOGNARE!

“Iniziare un nuovo cammino ci spaventa, ma dopo ogni passo comprendiamo quanto fosse pericoloso rimanere fermi”
Roberto Benigni

Basta sognare? Giuro che non avrei mai pensato di scrivere una cosa del genere!
Amo sognare, perché vedo racchiuso in questo concetto la speranza in un folle futuro pieno di estro e fantasia e un concentrato di positività, inarrestabile di fronte a nulla.
Eppure, in questo periodo pieno di buoni propositi che caratterizzano sempre l’inizio di ogni nuovo anno, sono stato raggiunto da tante sollecitazioni che parlano una lingua diversa…
…o forse no, anzi, sembra così, ma così non è.
In realtà, il concetto che ti propongo come augurio per un fantastico 2020 non è affatto contrario a quanto ho sempre sostenuto (I’m a dreamer), ma da lì parte e va ben oltre: basta sognare, è il momento di agire!

Moxy Hotel

È ora di dare forma ai nostri sogni: non possiamo più aspettare che succeda qualcosa che, magicamente, dia corpo al nostro sognare. Basta distribuire colpe o responsabilità: solo noi abbiamo il nostro futuro in mano. Siamo chiamati a fare!

“I sogni senza istruzioni, piani e azioni creano individui deliranti, detti anche sognatori. Le persone che hanno una visione ma sono prive della focalizzazione, hanno solo una visione. E la visione senza la focalizzazione porta ai sogni, alle illusioni e alle allucinazioni”
R. Kiyosaki, D. Trump, “Il tocco di Re Mida”

È per questo che per il 2020 a tutti – appassionati di hôtellerie e benessere, imprenditori, gestori, operatori o professionisti – auguro un anno pieno di azioni che portino ad un reale cambiamento, affinché il successo resti o ritorni a portata di mano, e il mercato non spaventi più.

Cosa vorrei che diventasse realtà nel 2020?

Yotel

Vorrei trovare una maggiore consapevolezza del valore reale dell’hôtellerie italiana e del fatto che ritornare al meritato prestigio non solo sia possibile, ma anche facilmente realizzabile
Vorrei che si capisse che “riqualificare” è un’opportunità, non necessariamente un’amara pillola da dover ingoiare, rischiando di strozzarsi (o di finire al collasso)
Vorrei che “ospitalità” ritorni ad essere ”cura del benessere dell’ospite”
Vorrei che “benessere” non sia soltanto SPA, ma una risposta concreta ai disagi delle persone.
Soprattutto, vorrei che non si avesse più paura di idee nuove.

Come fare a trasformare i sogni in realtà? Attraverso un lavoro costante e professionale, passo dopo passo, affrontando le paure che sembrano bloccarci. In fin dei conti, siamo noi stessi che creiamo le nostre paure: paura di fare un salto più lungo della gamba, paura di non essere capiti. Paura di essere troppo innovativi, troppo diversi!

Non lamentarti delle cose che non sei disposto a cambiare
Anonimo

E se aspettare che qualcosa succeda può sembrare una buona soluzione, per cambiare idea basterebbe diventare consapevoli che NON DECIDERE di andare avanti corrisponde a DECIDERE di restare al palo a guardare chi, rimboccandosi le maniche, ha il coraggio di affrontare il futuro.
Il mercato non aspetta, i competitors si moltiplicano, la concorrenza è agguerrita. Non c’è dubbio: vince chi non resta fermo.

Se non ora, quando?
Se non io, chi?
Se non qui, dove?
R. Hillel

Hilton

Questa è la visione che mi piacerebbe condividere con te all’inizio di questo nuovo anno.
Pertanto, l’augurio più grande te lo riporto con lo slogan “Make your dream happen”: lavoriamo affinché i nostri sogni diventino realtà, e ciò è veramente possibile.

Come?

Impossibile dare una risposta valida a tutti in questa sede; è invece certamente possibile arrivare ad una risposta nella totalità dei casi: è semplicemente necessario comprendere ed abbracciare il nuovo approccio, per ampliare la mente affinché si apra a nuove opportunità di sviluppo che, finora, semplicemente, non siamo riusciti a scorgere.

Quando soffia il vento del cambiamento, alcuni costruiscono muri, altri mulini a vento
Proverbio cinese

Marriott

In questo settore in cui “osare” sembra pericoloso, solo cambiando punto di vista riusciremo a dare una risposta alle domande che, sempre più frequentemente, si affollano nella mente di chi comprende che è necessario fare qualcosa.

Come poter cambiare l’immagine della mia struttura?
Come riconquistare i miei ospiti?
Che servizi offrire nel mio centro benessere?
Come poter caratterizzare il mio albergo?
Come abbracciare l’innovazione e la sostenibilità?
Come migliorare il giudizio degli ospiti?
Come personalizzare la SPA o l’hotel?

Al di là di proporre la tua domanda nella rubrica “Q&A – Question & Answer”, nella quale ogni giovedì rispondiamo a chi vuole approfondire qualche argomento o soddisfare qualche curiosità, se vuoi cambiare il tuo approccio e hai voglia di fare una chiacchierata, tanto per cominciare, per capire le potenzialità del tuo hotel o del tuo centro benessere, chiama!
Pur invitandovi volentieri tutti al mio studio a prendere un caffè (e facciamo un ottimo caffè!) per scambiare due chiacchiere senza impegno sull’hôtellerie e sul benessere, capisco che logisticamente potrebbe essere “complicato” per chi non si trova a Roma.
Nessuno, però, ci vieta di organizzare un “caffè virtuale”, una chiamata o una call in Skype attraverso la quale confrontarci se ci sono dubbi sull’opportunità o meno di cambiare eventualmente qualcosa nella tua struttura.

A volte, un semplice conversazione può dare lo spunto per riuscire a vedere, come punto di partenza, le cose diversamente dal solito…e chissà quante nuove idee, poi, potrebbero nascere!

Sono buoni propositi per cominciare l’anno in maniera diversa dal solito, per cambiare le cose con professionalità, pazienza ed alta qualità, con la certezza che i risultati non tarderanno certo ad arrivare.

Un sogno non diventa realtà con una magia; ci vuole sudore, determinazione e lavoro duro (Colin Powell)…ma nulla succederà comunque, se mai si inizierà il percorso

Leggi anche: Io penso positivo

Permanent link to this article: http://www.hoteldesign.org/2020-basta-sognare-bisogna-agire/

Lascia un commento

Your email address will not be published.